loading ...

NEWS

  stop   play  

UILT Nazionale

Fondazione: 3 ottobre 1977

Sede Legale: Via della Valle, 3 - 05022 Amelia (Terni)

Sede Operativa:Via della Valle, 3 - 05022 Amelia (Terni)

P.IVA/Codice fiscale: P.I. 02707330961 - C.F. 03003230582

Coordinate bancarie: Unicredit Banca - Via XX Settembre 148 - Perugia Iban: IT 92 A 02008 03030 000102735012

Facebook:https://www.facebook.com/pages/UILT-Nazionale-Unione-Italiana-Libero-Teatro/432456233602147

Twitter:https://twitter.com/UILTteatro

Presidente: ANTONIO PERELLI
tel.: 329 3826899
cell.: 339 2237181
e-mail.: perant@alice.it

Segretario: DOMENICO SANTINI
tel.: 0744 983922
cell.: 348 7213739
e-mail.: segreteria@uilt.it

Responsabile Centro Studi: FLAVIO CIPRIANI
tel.: 0744 934044
cell.: 335 8425075
e-mail.: ciprianiflavio@gmail.com

Responsabile Web: GIANLUCA SPARACELLO
cell.: 380 3012108
e-mail.: infoweb@uilt.it

GIULIA GRILLI
tel.: 0744 983922
cell.: 334 7414274
e-mail.: infoweb@uilt.it

Giornata Mondiale del Teatro 2017

Messaggio per la Giornata Mondiale del Teatro 2017

a cura di Isabelle Huppert.


"Eccoci dunque di nuovo, è da 55 anni che ogni primavera si svolge la Giornata Mondiale del Teatro. Una giornata, cioè 24 ore che cominciano con il Teatro NO e Bunraku, passano per l’Opera di Pechino e il Kathakali, si soffermano tra la Grecia e la Scandinavia, vanno da Eschilo ad Ibsen, da Sofocle a Strindberg, poi passano tra l'Inghilterra e l'Italia, da Sarah Kane a Pirandello, e attraversano anche la Francia, tra gli altri, dove siamo noi e dove Parigi è ancora la città che accoglie il maggior numero di compagnie teatrali straniere in tutto il mondo.

Poi le nostre 24 ore ci portano dalla Francia alla Russia, da Racine e Molière a Cechov, e poi attraversano l'Atlantico per finire in un campus della California, dove forse dei giovani reinventano il teatro. Perché il teatro risorge sempre dalle proprie ceneri. Non c’è convenzione che non si debba instancabilmente abolire.

E’ così che il teatro resta vivo. Il teatro ha una vita rigogliosa che sfida lo spazio e il tempo, le opere teatrali più contemporanee si nutrono dei secoli passati, i repertori più classici diventano moderni ogni volta che li si mette in scena di nuovo."


Testo integrale